martedì 4 gennaio 2011

Preallarme

Uffaaaaa!!!! Come si dice a Roma, me la sono letteralmente tirata da sola. Mi sono svegliata con mal di gola, mal d'orecchio, occhi rossi e lacrimosi, ghiandole gonfie e non ho avuto altra scelta: mi sono rimessa a prendere antibiotici. Sono uno straccio, mi sento come in un'altra dimensione, quasi totalmente sconnessa dalla realtà. Mi sento la febbre, ma il termometro non è d'accordo e mi da 35,7 (boh!), dolori influenzali e una spossatezza incredibile. E qui la questione che mi assale di più è l'eterno dubbio su dove finisce il solito malanno di stagione e dove comincia l'influenza della CFS. Non ho la più pallida idea ma una cosa certa è che uscire di casa per fare un massaggio è semplicemente impossibile, e penso che Tito dovrà attendere a casa di mia madre per almeno un'altra settimana. La colpa è solo mia e non me la posso prendere con nessun'altro. Non è che mi pento veramente per essere uscita a Capodanno, ma ho questo senso di preallarme: ricaduta imminente, correre ai ripari.

Mi ricordo com'è stato facile per la CFS prendermi la prima volta. Ero deboluccia ed ero uscita da poco da un'influenza apparentemente di poco conto. Mi chiedo se la bestia vorrà approfittare della situazione per ristabilirsi e riprendere posizione e mi rendo conto di aver abbassato un pò troppo la guardia.

Basta stupide lacrime da coccodrillo, concentriamoci sulle buone notizie. Oggi delle mie care amiche - Tiziana Scotti e Lori Goracci -  hanno lanciato in rete uno spot ideato e girato da loro e un regista bravissimo - Alessandro Carlevaro - che è entrato nel concorso pubblicità progresso del Ministero della Salute per le Malattie Rare. La speranza è che questa pubblicità vinca il concorso e nel frattempo tocca a noi rendere questa pubblicità "virale" diffondendolo il più possibile in rete per aumentare i consensi. Come sempre, mi affido a voi. Diffondete, condividete, e inviate questo link a tutti i vostri amici. Non vi succederà nulla se non lo fate (non è mica una catena di S. Antonio) ma se lo fate saprete di contribuire a qualcosa di grande, e in fondo non vi costa nulla.

3 commenti:

  1. Ciao Valentina,
    che bello questo spot!!!
    Complimenti ai tuoi amici e grazie anche da parte mia...sapere di non essere soli è una delle cose che ci permette di sopravvivere.
    A proposito: tu che scrivi in questo modo così brillante e simpatico hai compilato il questionario che si trova sul sito di Tirelli sulla CFS? Quello di Herman Salton? E' interessante...
    Si dice anche da noi" tirarsela addosso" ma non credo proprio sia il tuo caso!!!
    Se l' ultimo te la sentivi di uscire hai fatto bene a farlo!!! Se restiamo in casa anche quando siamo un po' più in forze del solito è finita!!
    L' antibiotico poi butta giù anche le persone "sane", noi dal fisico prestante ne risentiamo ancor di più...l'importante è assumerlo se sei sicura che i tuoi sintomi non siano CFS, altrimenti rischi solo di peggiorare la situazione...ma lo so non è facile capire...
    Ho letto che sei in cura da Tirelli...ma c'è
    qualcuno dalle tue parte che ti segue? O sono tutti che convinti che sei depressa?
    Coraggio fatti forza! Oggi riposati assolutamente e vedrai che domani è un altro giorno ed andrà meglio!
    Un abbraccio.

    RispondiElimina
  2. Ciao, grazie ;) Ho cercato il questionario ma non l'ho trovato. Sono certa che almeno 1 dei miei acciacchi non è dovuto alla CFS e il mio medico di base - simpatico e per fortuna un "credente" nella CFS - sa riconoscere la differenza. C'è anche da dire che sono così abituata ai miei soliti sintomi che neanche lo chiamo più, tranne in casi di anomalie tipo oggi. Tirelli non lo vedo da anni ma quando ho dubbi gli scrivo e di solito risponde appena può (molto disponibile).
    Credimi, ho reso il riposo una forma d'arte oggi, e non mi pento assolutamente dei festeggiamenti. Anzi...la settimana prossima è il mio compleanno e l'obbiettivo è di poterli replicare, anche se in forma ridotta ;)

    RispondiElimina
  3. Sono contenta che il tuo medico sia un "credente"
    Anche il mio lo è, e riteniamoci fortunate perchè non ne ho incontrati molti in questi anni!
    Herman Salton è un plurilaureato di origine italiana attualmente residente ad Oxford, che si occupa di discriminazioni e diritti umani; ha intenzione di scrivere un libro sulla CFS proprio per sensibilizzare l'opinione pubblica e soprattutto i medici "miscredenti".
    E' una persona disponibilissima e molto gentile
    che mi ha chiesto, quando gli ho inviato il mio questionario, di diffonderlo il più possibile.
    Ne ha raccolti circa 200 da tutto il mondo.
    Hai ragione: sul sito Tirelli non c'è più, ma
    lo puo trovare scrivendo nel motore di ricerca di Google "questionario cfs Herman". La prima voce che ti si apre è lui! Se vuoi vedere chi è Salton ha un sito tutto suo, in inglese, ma tu non hai problemi! Il questionario lo puoi compilare in italiano, parla correttamente diverse lingue. Io credo ne valga la pena: più siamo a far sentire la nostra voce meglio è.
    Forze permettendo ovviamente...
    Spero oggi tu stia meglio...
    Una curiosità: quando compi gli anni?
    Sei un capricorno come mia figlia!!! Lei li compie il 17!
    a risentirci!

    RispondiElimina

Grazie per i vostri commenti.

Post Recenti